L’illusione del Wifi a bordo dei treni e le alternative

L’illusione del Wifi a bordo dei treni e le alternative.

Senza stare a girare intorno al discorso: il servizio Wifi offerto dalle compagnie ferrioviare italiane non è dei migliori. La navigazione è molto altalenante e il più delle volte costringe il passeggero a servirsi di strumenti alternativi. Eppure il sevizio c’è ed è pure gratuito.
Trenitalia e Italo Treno, le due compagnie di trasporto ad alta velocità, propongono la connessione a Internet gratuita, basta entrare con le proprie credenziali.

Trenitalia

Per quanto riguarda Trenitalia, il Wifi è offerto grazie a una partner con Tim presente su tutti i treni ad alta velocità (Frecciarossa e Frecciaargento). Oltre alla connessione ad internet, viene offerto una serie di servizi: film, programmi Tv, musica, meteo, news e una pagina destinata alla visualizzazione dei dati del treno su cui si sta viaggiando ( dove si trova in quel momento, a quale velocità si sta muovendo). Per potersi collegare al Wifi di Frecciarossa o Frecciargento, basta aprire il link www.portalefrecce.it e iniziare la procedura di login o di registrazione. In ogni carrozza è disponibile la connessione ad Internet grazie agli access point, Wifi Box e ripetitori di segnale.

Italo Treno

Anche Italo Treno, per stare al passo con l’evoluzione della tecnologia, offre la connessione ad internet su ogni suo treno. Il servizio offerto da Italo Treno prende il nome di ItaloLive e permette di accedere a diversi servizi: film, versioni digitali dei maggiori quotidiani nazionali, musica, news, libri e perfino un corso di inglese multimediale e ovviamente la connessione a Internet. L’accesso alla rete è pressochè similare a quella di Trenitalia. Dopo l’accesso al Wifi di bordo, la connessione al portale ItaloLive è automatica.

Chi fa da sè far per tre!

Navigare in piena tranquillità usufruendo delle tecnologie e dei servizi offerti dalle compagnie ferroviare è un po’ un’illusione. E il motivo è prettamente tecnico. Le reti che ci offrono sono uguali a quelle del mondo mobile e quindi, ad esempio,  nella tratta tra Torino e Bari la copertura è discontinua. Con l’aggravante che quando il router di una carrozza perde il segnale 3G o 4G, per ristabilire il servizio impiega molto più tempo di un normale smartphone. La soluzione rimane quindi il tethering, cioè l’attivazione dell’ “Hotspot personale” sul proprio smartphone che consente l’accesso alla Rete ad un computer che permette una navigazione sicura e stabile. Attenzione però ai costi!
Non tutte le compagnie telefoniche consentono  l’utilizzo dell’ “Hotspot personale” in modo gratuito.

 

Scopri la nostra idea di soluzione!  Compila il form per chiederci maggiori informazioni.

Contatti

Articoli recenti